IT

17.02.22: RASSEGNA “CONTAMINA OFF”

ACCESSIBILITA'
  • Il teatro dispone di aree riservate alle persone con disabilità su sedia a ruote in 1° e 2° Platea, alle quali è possibile accedere a titolo completamente gratuito.
  • Per prenotazioni relative a tali aree contattare la biglietteria del teatro al N. 0565 30385 o via email all'indirizzo metropolitanpiombino@gmail.com.
  • Sono altresì previsti posti riservati agli accompagnatori in prossimità delle aree accessibili. Per gli accompagnatori è previsto il regolare pagamento del biglietto.

Indirizzo

Piazza Cappelletti, 2 - 57025 Piombino Indicazioni

Descrizione

17.02.22: RASSEGNA “CONTAMINA OFF”

FIGLI DI UN DIO UBRIACO
INCURSIONI FISICHE SUI MADRIGALI DI CLAUDIO MONTEVERDI

Regia e coreografia Michela Lucenti
Danza Maurizio Camilli, Loris De Luna, Maurizio Lucenti, Michela Lucenti, Alessandro Pallecchi, Matteo Principi, Paolo Rosini, Emanuela Serra, Giulia Spattini, Elisa Spina, Demian Troiano e per la prima volta in scena Era Affini
Drammaturgia Maurizio Camilli e Emanuela Serra
Assistenza alla coreografia Ambra Chiarello e Francesco Gabrielli
Testi Balletto Civile
Direzione musicale Antonio Greco
Musica Isabella Leonarda, Claudio Monteverdi, Alessandro Piccinini, Salomone Rossi e Barbara Strozzi
Musica eseguita dal vivo da Ensemble Cremona Antiqua diretta da Antonio Greco
Canto Anna Bessi (mezzosoprano) e Valeria La Grotta (soprano)
Spazio sonoro Guido Affini
Scenografia Balletto Civile
Luci Stefano Mazzanti           
Costumi Chiara Defant
Direzione tecnica Stefano Mazzanti
Produzione Balletto Civile                 
Coproduzione Fondazione TPE Torino e Fondazione Cantieri d’Arte Montepulciano

Progetto nato su commissione del Teatro Ponchielli di Cremona e del Festival di Montepulciano intorno all’opera del compositore Claudio Monteverdi, FIGLI DI UN DIO UBRIACO.  Incursioni fisiche sui Madrigali di Claudio Monteverdi è la nuova avventura coreografica-musicale di Michela Lucenti per il suo Balletto Civile.

Accompagnata live dall’Orchestra Cremona Antiqua diretta dal Maestro Antonio Greco e da due cantanti liriche, la creazione è una rilettura contemporanea di alcuni topoi barocchi insieme all’esecuzione di otto madrigali scelti dalla sterminata produzione di Monteverdi, di pagine musicali del compositore e di autori coevi come Barbara Strozzi a cui si intervalla un disegno sonoro di oggi.

«Affascinati dagli studi di Tomaso Montanari, uno dei massimi esperti del Barocco» spiega Michela Lucenti «abbiamo scoperto quanto fosse centrale la condizione del corpo e della sensualità in quel periodo storico. Montanari parla nello specifico di “sensualità di vite disperate”, di un corpo in continuo cambiamento citando come esempio la Dafne del Bernini, ambigua e in trasformazione.

Un link perfetto alla poetica di Balletto Civile incentrata sulla fragilità e la vita ai margini che abbiamo còlto per disegnare questa epopea della nostra quotidianità segnata da antieroi. Modellando i temi pastorali, guerrieri, amorosi dei madrigali monteverdiani alle nostre esigenze, al fine di costruire un discorso coerente con il nostro stile e il nostro “carrozzone” umano. Il “basso continuo” della resistenza umana si mischia ai suoni di una quotidianità ubriaca restituendo immagini che si dilatano e fungono da microscopio del nostro sentire».

Dodici interpreti in scena, tra cui una bambina e il padre settantaseienne di Lucenti, attori, performer e danzatori per far esplodere sulla scena uno spaccato di umanità: quasi due ore di spettacolo nel quale entrano in gioco, per similitudine con la vita del compositore, riflessioni sull’oggi e sull’identità data all’uomo dal lavoro.

 

Condizioni

Evento soggetto a disposizioni anti-covid:

  • all’ingresso dell’area spettacolo verrà effettuata la registrazione degli spettatori
  • obbligo di indossare le mascherine di tipo FFP2
  • maggiori informazioni
 
Costi del servizio di prenotazione: € 1,00